Ultima modifica: 12 maggio 2018
> Eventi > L’Istituto Pirandello pluripremiato al concorso letterario “Poesia senza confine” di Agugliano

L’Istituto Pirandello pluripremiato al concorso letterario “Poesia senza confine” di Agugliano

                                  

Doppio successo per l’Istituto Pirandello di Pesaro al concorso letterario “Poesia senza confine” indetto dall’Associazione culturale “La Guglia” e patrocinato dalla Regione Marche, dalla Provincia di Ancona, dai comuni di Agugliano e di Polverigi.

Dedicato agli studenti marchigiani di scuola primaria e secondaria di primo grado è giunto alla quindicesima edizione e ha visto concorrere circa quattrocento poesie, distribuite tra la sezione in lingua italiana e quella in dialetto. In particolare è nota la sensibilità dell’associazione culturale “La Guglia” nel tenere viva l’attenzione delle nuove generazioni verso le numerose peculiarità dialettali e le tradizioni culturali della regione Marche.

La classe IV B della Primaria Pirandello ha vinto il secondo premio con “Il segreto della Primavera” grazie al sapiente coordinamento dell’insegnante Giulia Reitani e alla stimolante attività della poetessa Simona Vezzuto Alfeo che durante l’anno ha accompagnato la classe in un percorso di tecnica della composizione poetica. La poesia presenta con toni allegri e delicati la Primavera come una figura magica che rinforza la Natura dopo il torpore invernale.

Margherita Pascucci della I A Secondaria si è classificata al terzo posto nella sezione dialettale con la poesia “La felicità”: un messaggio su come vivere spensieratamente, vivere a colori, allontanando la grigia tristezza. La classe, coordinata dalla prof.ssa Barbara Pezzolesi, si è dedicata allo studio di questa tipologia testuale e della sua espressività. Ogni alunno ha quindi concluso questo percorso, mettendosi alla prova, partecipando con la composizione di una poesia, di una filastrocca, di un nonsense o di un limerick. Margherita, unica tra i compagni, ha scelto di utilizzare il dialetto della nostra città per raccontare la felicità ed in particolare l’ottimismo pesarese.

Complimenti ai vincitori!

Scritto da Barbara Pezzolesi

Di seguito le poesie premiate:

IL SEGRETO DELLA PRIMAVERA
Cara Primavera,mi dici tu il posto
dove il tesoro da tempo hai nascosto?
Della cassaforte quale combinazione?
Io te lo chiedo,è grande l’ emozione!
Forse hai deposto nel nido di un cigno
di tutte le gioie preziose il tuo scrigno?
Tra i prati splendenti corse a perdifiato,
collane di margherite su un tappeto profumato;
stupore, meraviglia e con grande attenzione
l’ascolto di uccellini allegra una canzone.
Con la bicicletta, insieme tra amici,
riprendere finalmente passeggiate in bici
e, detto tra noi, sarebbe un gran peccato
lasciarsi sfuggire la gioia di un gelato!
Nei campi capriole e spighe,sì, di grano
raccogliere felici fiori con la mano;
le lucciole nei campi sono come stelle
davvero assai lucenti,piccole gemelle!
Cara Primavera,ormai tu sei vicino
e tutto svelerai al cuore di un bambino.
I BAMBINI DELLA IV B
LUIGI PIRANDELLO DI PESARO

La felicità
La felicità l’è com ‘na giurneta de sol;
an ce se stanca mei.
Ma noiatre psares ce piec veda la vita a culor!
An ce stanchem mei de cerché la felicità.
E se noiatre encontrem la tristeza
noi le dicem: “Cot vo?”

Margherita Pascucci, 1 A scuola media “Pirandello” Pesaro

 

La felicità (traduzione da dialetto pesarese ad Italiano)

 

La felicità è come una giornata di sole;

non ci si stanca mai.

Ma a noialtri pesaresi piace vedere la vita a colori!

Non ci stanchiamo mai di cercare la felicità

e se noialtri incontriamo la tristezza

noi le diciamo: ”Cosa vuoi?”

 

Lascia un commento